SIRM
Società Italiana di Radiologia Medica e Interventistica


data stesura: 17 Novembre 2021
ultima revisione: 17 Novembre 2021

PDF

Come si è giunti alla creazione della lista:

In occasione del Consiglio Direttivo dell’8 luglio 2013 sono state rese ufficiali da parte della Società Italiana di Radiologia Medica e Interventistica (SIRM), le prime 5 pratiche ad alto rischio d’inappropriatezza identificate secondo le indicazioni di Slow Medicine nell’ambito del progetto “Fare di più non significa fare meglio”. Il Consiglio Direttivo del 24 giugno 2021 ha identificato queste ulteriori 5 pratiche nell’ambito dell’imaging strumentale su bimbi e neonati, data la particolare peculiarità e valenza della necessità di appropriatezza nell’esposizione radiogena in età pediatrica.

È stata effettuata una revisione della letteratura basandosi sulle pratiche di uso comune nella clinica che non determinano nella maggior parte dei casi una decisione clinica. Le pratiche selezionate sono state scelte in base alla scarsa efficacia, al rischio di danni da esposizione inappropriata a radiazioni ionizzanti, al rischio di sovra diagnosi e sovra trattamento e all’alta diffusione in Italia; sono inoltre spesso caratterizzate da alti costi. L’identificazione delle procedure ha tenuto conto dei criteri di appropriatezza dell’ACR http://www.acr.org/Quality-Safety/Appropriateness-Criteria e dell’Accordo, ai sensi dell’art. 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n.281, tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano sul documento relativo alle “Linee guida per la diagnostica per immagini”.

Ancorché, ai sensi della legge 101/ 2020 del 31 luglio 2020, la giustificazione di queste prestazioni sia di competenza dello specialista medico radiologo assieme al prescrivente, la giurisprudenza e la pratica quotidiana rendono difficile respingere con costanza queste richieste in assenza di un’opportuna sensibilizzazione dei medici prescriventi e della popolazione.


data stesura: 1 Marzo 2014
ultima revisione: 1 Marzo 2014

PDF

Come si è giunti alla creazione della lista:

In occasione del Consiglio Direttivo dell’8 luglio 2013 sono state rese ufficiali da parte della Società Italiana di Radiologia Medica e Interventistica (SIRM), 5 pratiche ad alto rischio d’inappropriatezza identificate secondo le indicazioni di Slow Medicine nell’ambito del progetto “Fare di più non significa fare meglio”.
È stata effettuata una revisione della letteratura basandosi sulle pratiche di uso comune nella clinica che non determinano nella maggior parte dei casi una decisione clinica. Le pratiche selezionate sono state scelte in base alla scarsa efficacia, al rischio di danni da esposizione inappropriata a radiazioni ionizzanti, al rischio di sovra diagnosi e sovra trattamento e all’alta diffusione in Italia; sono inoltre per lo più caratterizzate da alti costi. L’identificazione delle procedure ha tenuto conto dei criteri di appropriatezza dell’ACR http://www.acr.org/Quality-Safety/Appropriateness-Criteria e dell’Accordo, ai sensi dell’art. 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n.281, tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano sul documento relativo alle “Linee guida per la diagnostica per immagini”.
Ancorché, ai sensi della legge 187/2000, la giustificazione di queste prestazioni, sia di competenza dello specialista medico radiologo assieme al prescrivente, la giurisprudenza e la pratica quotidiana rendono difficile respingere con costanza queste richieste in assenza di un’opportuna sensibilizzazione dei medici prescriventi e della popolazione.

Informazioni sulla società:

La Società Italiana di Radiologia Medica e Interventistica, SIRM, fondata nel 1913, conta oltre 11.000 soci. Il suo scopo è la ricerca scientifica, l’aggiornamento culturale e la formazione allo studio dell’imaging biomedico, nei suoi aspetti fisici, biologici, diagnostici, radioprotezionistici e informatici. Il presidente dura in carica due anni e i consiglieri (dodici) quattro.
L’organizzazione, presente in tutta Italia, è divisa in 18 Gruppi Regionali e 20 Sezioni di Studio (per es. Senologia, Radiologia Toracica, Radiologia Muscoloscheletrica, Urgenza, Etica, Risonanza Magnetica, ecc). Organo ufficiale: La Radiologia Medica, rivista scientifica in lingua inglese, con IF 3.469. Altre riviste: Journal of Radiological Review e Il radiologo. Il Congresso Nazionale si svolge ogni due anni e vede la partecipazione di circa 4500 iscritti. Il sito www.sirm.org può fornire ulteriori dettagli.