NON RINVIARE le cure odontoiatriche durante il periodo di GESTAZIONE.

Tipo di pratica

Altri trattamenti

Età

Adulti

Le donne in gestazione sono soggette frequentemente a problemi a denti e gengive e la gravidanza non rappresenta una controindicazione alle cure dentarie. I trattamenti odontoiatrici urgenti devono essere garantiti per prevenire potenziali rischi per la gestante (parto prematuro) o per il nascituro (ritardo di crescita). Gli interventi odontoiatrici procrastinabili devono invece essere rimandati al termine della gravidanza. Buona pratica: in accordo con il medico ginecologo, adottare specifiche misure di PREVENZIONE delle malattie della bocca (igiene orale). Utilizzare PROTOCOLLI SPECIFICI (anestetici, terapia antibiotica e antinfiammatoria/antalgica con farmaci approvati per l’uso in gravidanza) effettuando il trattamento in periodi di sicurezza in base al periodo di gestazione e ad eventuali condizioni di rischio ostetrico.

Principali fonti bibliografiche

1.Raccomandazioni per la promozione della salute orale in età perinatale 2014, Ministero della Salute. www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_2317_allegato.pdf
2. Task Force on Periodontal Treatment of Pregnant Women, American Academy of Periodontology. American Academy of Periodontology statement regarding periodontal management of the pregnant patient. J Periodontol. 2004 Mar;75(3):495.
3. Villa A, Abati S, Pileri P, Calabrese S, Capobianco G, Strohmenger L, Ottolenghi L, Cetin I, Campus GG. Oral health and oral diseases in pregnancy: a multicentre survey of Italian postpartum women. Aust Dent J. 2013 Jun;58(2):224-9
4. Offenbacher S, Lin D, Strauss R, McKaig R, Irving J, Barros SP, Moss K, Barrow DA, Hefti A, Beck JD. Effects of periodontal therapy during pregnancy on periodontal status, biologic parameters, and pregnancy outcomes: a pilot study. J Periodontol. 2006 Dec;77(12):2011-24.

Scarica la scheda completa con le 5 raccomandazioni

PDF

Tutte le informazioni sopra riportate non sostituiscono la valutazione e il giudizio del professionista. Per ogni quesito relativo alle pratiche sopra individuate, con riferimento alla propria specifica situazione clinica, è necessario rivolgersi al professionista.