AIURO
Associazione Infermieri di Urologia - Società scientifica di FNOPI


data stesura: 1 Ottobre 2016
ultima revisione: 1 Ottobre 2016

Scarica il PDF

Come si è giunti alla creazione della lista:

A.I.U.R.O (Associazione Infermieri di Urologia), società scientifica di FNOPI, alla luce degli studi e delle relative statistiche epidemiologiche e infettivologiche di recente pubblicazione ed alla propria esperienza, ha deciso di costituire un gruppo di lavoro formato principalmente da propri iscritti che, alla luce dell’analisi critica delle evidenze scientifiche disponibili, alla consultazione delle più aggiornate linee guida del settore, ha elaborato le raccomandazioni. L’impostazione metodologica è stata curata dall’Accademia Scienze Infermieristiche (ASI).

Informazioni sulla società:

A.I.U.R.O nasce nel 1995 dall’iniziativa di un gruppo di infermieri operanti nei reparti di Urologia sensibili agli aspetti formativi professionali e specialistici, con sede a Torino. In origine affiliata all’AURO (Associazione Urologi Ospedalieri), si è poi separata nell’anno 2000, rendendosi soggetto autonomo e indipendente. Nel 1997, viene inoltre riconosciuta ufficialmente dal Ministero della Sanità Italiana. Sin dagli albori della creazione la collaborazione con Società e Professionisti a livello Nazionale, Europeo e Internazionale ha rivestito una notevole importanza. Grazie alla rilevanza dell’associazione in ambito nazionale e non solo, si è instaurata dal 2001 una proficua collaborazione con una ONG, per un progetto della Comunità Europea in ambito sanitario nei paesi in via di sviluppo. Con particolare soddisfazione abbiamo partecipato alla fondazione del GPAIN (Gruppo Permanente Associazioni Infermieristiche Nazionali).Tra gli obiettivi dell’associazione spiccano la promozione della ricerca e della cultura infermieristica in ambito urologico in collaborazione con la Federazione Nazionale dei Collegi Infermieristici ed altre associazioni professionali, valorizzando così l’attività infermieristica nei reparti urologici ospedalieri a mezzo dell’interscambio di informazioni tecnico-scientifiche tra i professionisti, anche a livello internazionale.