Non porre diagnosi di asma bronchiale senza accurate prove di funzionalità respiratoria (inclusi test di broncodilatazione farmacologica e test di provocazione bronchiale).

Tipo di pratica

Altri esami

Il solo riscontro di sintomi asmatiformi (dispnea, costrizione toracica, tosse, sibilo) non è sufficiente per porre una corretta diagnosi di malattia.Le linee guida sottolineano la necessità di effettuare prove di funzionalità respiratoria complete che identifichino la reale presenza di iperreattività delle vie aeree o di ostruzione bronchiale reversibile. In particolare, coloro che presentano sintomi asmatiformi e parametri spirometrici nei limiti di norma devono sottoporsi al test di provocazione bronchiale con metacolina. Il test al broncodilatatore va riservato a coloro che associano ai sintomi asmatiformi la presenza di un quadro spirometrico basale caratterizzato già da un pattern ostruttivo.

Principali fonti bibliografiche

1. Global Initiative for Asthma (GINA) ‐ Global strategy for asthma mangement and prevention. 2011. http://www.ginasthma.org

Scarica la scheda completa con le 5 raccomandazioni

PDF

Tutte le informazioni sopra riportate non sostituiscono la valutazione e il giudizio del professionista. Per ogni quesito relativo alle pratiche sopra individuate, con riferimento alla propria specifica situazione clinica, è necessario rivolgersi al professionista.