Non eseguire clearance della creatinina in situazioni in cui non sia possibile avere un’accurata raccolta delle urine o quando non sia necessario avere un’idea della escrezione urinaria della creatinina; in questi casi è preferibile il calcolo del eGFR (volume del filtrato calcolato) per la valutazione della funzione renale.

Tipo di pratica

Esami di laboratorio

La determinazione della clearance (o volume di plasma depurato da una certa sostanza, in questo caso la creatinina) è una formula matematica in cui sono presenti 4 fattori: concentrazione creatinina ematica, concentrazione creatinina urinaria, volume urinario e tempo (24 ore, 1440 min). Il valore della clearance della creatinina è espresso infatti in ml/min corretto per la superficie corporea.La variazione di uno di questi parametri porta a valori non attendibili. Tra i 4 fattori, quello che si presta a molteplici variazioni ed è fonte di innumerevoli errori pratici è la raccolta della diuresi delle 24 ore. La prima urina del mattino va eliminata e va raccolta tutta l’urina sino al risveglio del mattino successivo. Per chi lavora fuori casa, per gli studenti la raccolta completa può essere un problema e raccolte parziali generano errori nella valutazione nell’eliminazione urinaria di creatinina. Basta utilizzare un contenitore pulito che contenga tutta l’urina della 24 ore, non è sufficiente portare un volume adeguato di tutta l’urina raccolta. Le imprecisioni sono estremamente frequenti. Per questo si è scelto sull’uso di formule che si basano su modelli statistici validati che tengono conto delle diverse variabili del paziente, età sesso, razza, ecc.

Principali fonti bibliografiche

1. Estimating the glomerular filtration rate from serum creatinine is better than from cystatin C for evaluating risk factors associated with chronic kidney disease. Rule AD, Bailey KR, Lieske JC, Peyser PA, Turner ST. Kidney Int 2013 Jun; 83(6): 1169-76.
2. Canadian Society of Nephrology commentary on the KDIGO clinical practice guideline for CKD evaluation and management. Akbari A, Clase CM, Acott P, Battistella M, Bello A, Feltmate P, Grill A, Karsanji M, Komenda P, Madore F, Manns BJ, Mahdavi S, Mustafa RA, Smyth A, Welcher ES. Am J Kidney Dis 2015 Feb; 65(2): 177-205.

Scarica la scheda completa con le 5 raccomandazioni

PDF

Tutte le informazioni sopra riportate non sostituiscono la valutazione e il giudizio del professionista. Per ogni quesito relativo alle pratiche sopra individuate, con riferimento alla propria specifica situazione clinica, è necessario rivolgersi al professionista.