Evitare in età evolutiva approcci a sovrappeso e obesità, restrittivi, di non dimostrata efficacia e non coinvolgenti la famiglia.

Tipo di pratica

Altri trattamenti

Età

Bambini

Strategie per il controllo di sovrappeso e obesità in età evolutiva non evidence-based, quali diete fortemente ipocaloriche, diete non equilibrate o restrizioni dietetiche non associate a interventi sullo stile di vita, approcci esasperati all’attività fisica, non sufficiente coinvolgimento dell’ambito familiare, superficialità nella valutazione del tratto psicologico del giovane, inducono frequenti problemi di cronicizzazione del problema perché  inefficaci nel medio e lungo termine, dato che espongono al rischio di sviluppare un disturbo alimentare (anoressia, bulimia), weight-cycling syndrome (sindrome dello yo-yo, cioè ripetute oscillazioni di peso), deficit nutrizionali e rallentamento della crescita.

Principali fonti bibliografiche

1. Stice E, Presnell K, Spangler D: Risk factor for binge eating onset in adolescent girls: a 2-year prospective investigation. Health Psychol. 2002 Mar; 21(2):131-8.
2. Portela de Santana ML, Da Costa Ribeiro Junior H, Mora Giral M, Raich RM: Epidemiology and risk factors of eating disorder in adolescence: a review. Nutr Hosp 2012 Mar-Apr; 27(2): 391-401.
3. Boschi V, Siervo M, DOrsi P, Margiotta N, Trapanese E, Basile F, Nasti G, Papa A, Bellini O, Falconi C: Body composition, eating behavior, food-body concerns and eating disorders in adolescent girls. Ann Nutr Metab. 2003; 47(6):284-93.
4. Santonastaso P, Friederici S, Favaro A: Full and partial syndromes in eating disorders: a 1-year prospective study of risk factors among female students. Psychopatology 1999 Jan-Feb; 32(1):50-6.
5. Favaro A, Ferrara S, Santonastaso P: The spectrum of eating disorders in young women: a prevalence study in a general population sample. Psychosom Med 2003 Jul-Aug; 65(4):701-8.
6. Birch LL, Fisher JO: Development of eating behaviors among children and adolescents. Pediatrics 1998 Mar:101(3 Pt 2);539-49.

Scarica la scheda completa con le 5 raccomandazioni

PDF

Tutte le informazioni sopra riportate non sostituiscono la valutazione e il giudizio del professionista. Per ogni quesito relativo alle pratiche sopra individuate, con riferimento alla propria specifica situazione clinica, è necessario rivolgersi al professionista.