Alimentazione: limitare i cibi di origine animale e quelli trasformati di produzione industriale. Privilegiare frutta, verdura, cereali e legumi integrali, meglio se freschi, locali, di stagione e coltivati in modo biologico.

L’ alimentazione deve essere sana, varia e moderata seguendo le direttive generali della cosiddetta “Piramide Alimentare”, che comporta un minor impiego di risorse ed un minor inquinamento (“Impronta ecologica”). Una modifica in senso vegetariano non solo ridurrebbe la mortalità generale del 6-10%, ma sarebbe in grado di agire sui cambiamenti climatici con una diminuzione del 25% della CO2. Il cittadino, in qualità di consumatore responsabile, deve essere consapevole del fatto che la filiera agro-alimentare, in tutte le sue fasi, dalla produzione alla distribuzione al consumo, è responsabile di importanti conseguenze anche a livello sociale (dalle sofisticazioni alimentari al caporalato, dalle monocolture intensive alla siccità in vaste zone del Pianeta).

Principali fonti bibliografiche

1. Bøhn T. et al. Compositional differences in soybeans on the market: Glyphosate accumulates in Roundup Ready GM soybeans Food Chemistry Vol. 153, 15 June 2014, Pages 207-215
2. Ceccarelli S. https://www.independentsciencenews.org/health/stuffed-or-starved-evolutionary-plant-breeding-might-have-the-answer/June 11, 2018
3.McDermott C: Essential fruit, vegetables, and lists for health BMJ 2014; 349 doi: https://doi.org/10.1136/bmj.g4906 (Published 31 July 2014)
4. Position Paper Pesticidi, Pratiche Agricole, Ambiente e Salute http://www.isde.it/unaltra-agricoltura-e-possibile-il-position-paper-di-isde-italia/
5. Resistenza agli erbicidi e colture OGM I problemi legati al glifosato https://www.greenpeace.org/italy/Global/italy/report/2011/ogm/Report_glifosato.pdf
6. Shulze MB et al.: Food based dietary patterns and chronic disease prevention. BMJ 2018; 361: k2396.doi: 10.1136/bmj.k2396
7. Springmann M et al. Analysis and valuation of the health and climate change cobenefits of dietary change. Proc Natl Acad Sci U S A. 2016 Apr 12;113(15):4146-51. doi: 10.1073/pnas.1523119113. Epub 2016 Mar 21.

Scarica la scheda completa con le 5 raccomandazioni

PDF

Tutte le informazioni sopra riportate non sostituiscono la valutazione e il giudizio del professionista. Per ogni quesito relativo alle pratiche sopra individuate, con riferimento alla propria specifica situazione clinica, è necessario rivolgersi al professionista.