Non somministrare terapie farmacologiche diverse da quelle sintomatiche in età pediatrica e adolescenziale nei casi di COVID-19 per cui non sia richiesto il ricovero ospedaliero.

Tipo di pratica

Farmaci

Età

Bambini

Area

Pediatria

Il trattamento sintomatico è lo stesso che viene utilizzato per le comuni infezioni respiratorie e per la gastroenterite. Nella maggioranza dei casi sintomatici di infezione da SARS-CoV-2 in età pediatrica e adolescenziale, è raccomandata la sola terapia sintomatica con paracetamolo o, in assenza di disidratazione, con ibuprofene. In caso di sintomi respiratori che possono beneficiare di terapia inalatoria con broncodilatatori e/o cortisonici, è da preferire il distanziatore al nebulizzatore per ridurre la diffusione di particelle virali nell’aria. In caso di diarrea o vomito, va assicurata una corretta idratazione con soluzioni reidratanti orali. Non è indicata la terapia antibiotica se non in presenza di una verosimile complicanza batterica. Non è indicato l’uso a scopo terapeutico, immunomodulatore o antivirale dell’azitromicina o di clorochina/idrossiclorochina.

Principali fonti bibliografiche

1. Garazzino S, Montagnani C, Donà D, et al. Italian SITIP-SIP Pediatric Infection Study Group; Ita-lian SITIP-SIP SARS-CoV-2 paediatric infection study group. Multicentre Italian study of SARS-CoV-2 infection in children and adolescents, preliminary data as at 10 April 2020. Euro Surveill. 2020;25:2000600.
2. Lamontagne F, Agoritsas T, Macdonald H, et al. A living WHO guideline on drugs for COVID-19. BMJ 2020;370:m3379.
3. Venturini E, Montagnani C, Garazzino S, et al. Italian SITIP-SIP SARS-Cov-2 pediatric infec-tion study group. Treatment of children with COVID-19: position paper of the Italian Society of Pediatric Infectious Disease. Ital J Pediatr. 2020;46:139.

Scarica la scheda completa con le 5 raccomandazioni

PDF

Tutte le informazioni sopra riportate non sostituiscono la valutazione e il giudizio del professionista. Per ogni quesito relativo alle pratiche sopra individuate, con riferimento alla propria specifica situazione clinica, è necessario rivolgersi al professionista.