Non somministrare agenti stimolanti dell’eritropoiesi (ESA) a pazienti con malattia renale cronica (CKD) con livelli spontanei di emoglobina tra 10 e 11 g/dL e senza sintomi di anemizzazione. Lo stesso dicasi se non si dispone almeno del dosaggio della ferritinemia e della saturazione transferrinica.

Tipo di pratica

Farmaci

Il target tra 10 e 11 gr/dL di emoglobina si è rilevato essere il livello di emoglobina che si accompagna nel paziente con Malattia Renale Cronica (CKD) ad un minor rischio di complicanze in particolar modo del sistema cardio-vascolare. Inoltre è inutile somministrare ESA se non si corregge il bilancio del Ferro deficitario. In questi casi non si avrebbe uno stimolo efficace sull’eritropoiesi.

Principali fonti bibliografiche

1. Executive summary of the KDIGO Controversies Conference on Supportive Care in Chronic Kidney Disease: developing a roadmap to improving quality care Sara N Davison, Adeera Levin, Alvin H Moss, Vivekanand Jha, Edwina A Brown, Frank Brennan, Fliss E M Murtagh, Saraladevi Naicker, Michael J Germain, Donal J ODonoghue, Rachael L Morton and Gregorio T Obrador. Kidney International advance online publication 29 April 2015.
2. Low levels of serum ferritin lead to adequate hemoglobin levels and good survival in hemodialysis patients. Ogawa C, Tsuchiya K, Kanda F, Maeda T. Am J Nephrol 2014; 40(6): 561-70.
3. Soluble transferrin receptors and reticulocyte hemoglobin concentration in the assessment of iron deficiency in hemodialysis patients. Fusaro M, Munaretto G, Spinello M, Rebeschini M, Amici G, Gallieni M, Piccoli A. J Nephrol 2005 Jan-Feb; 18(1): 72-9.
4. Relationship between responsiveness to erythropoiesis-stimulating agent and long-term outcomes in chronic hemodialysis patients: a single-center cohort study. Ogawa T, Shimizu H, Kyono A, Sato M, Yamashita T, Otsuka K, Nitta K. Int Urol Nephrol 2014 Jan; 46(1): 151-9.

Scarica la scheda completa con le 5 raccomandazioni

PDF

Tutte le informazioni sopra riportate non sostituiscono la valutazione e il giudizio del professionista. Per ogni quesito relativo alle pratiche sopra individuate, con riferimento alla propria specifica situazione clinica, è necessario rivolgersi al professionista.