Non osservare il paziente solo dal punto di vista biologico ma considera anche la componente soggettiva della malattia, il grado di alfabetizzazione sanitaria e il contesto familiare e sociale in cui il paziente è inserito.

Non osservare il paziente solo dal punto di vista biologico ma considera anche la componente soggettiva della malattia, il grado di alfabetizzazione sanitaria e il contesto familiare e sociale in cui il paziente è inserito.

È fondamentale che gli studenti in Medicina siano consapevoli dell’importanza di una relazione medico-paziente all’interno della quale il malato venga considerato nella sua interezza e non come un passivo destinatario dell’assistenza. Tale rapporto è imprescindibile...

Contenzione fisica per prevenire cadute

La contenzione fisica utilizzata per la prevenzione delle cadute nell’anziano (per esempio cinghia per il letto, cintura di contenzione, sponde…), emerge in misura sempre maggiore come non appropriata: oltre a essere avvilente può infatti rivelarsi pericolosa e...

Integratori: aspettative senza basi

Assumere integratori vitaminici e minerali allo scopo di prevenire tumori e malattie cardiovascolari è inutile e in alcuni casi potenzialmente pericoloso. Gli studi infatti non confermano effetti protettivi per la maggior parte di questi integratori nei confronti di...
Non somministrare terapia antibiotica ai pazienti colonizzati da germi multi resistenti agli antibiotici (MDR) senza segni di infezione.

Non utilizzare antibiotici fluorochinolonici nella terapia empirica di infezioni anche gravi, ma utilizzare classi di antibiotici con minor impatto sul fenomeno dell’antibiotico resistenza e con minori effetti collaterali gravi.

Dopo le amino penicilline, i fluorochinoloni, ed in particolare levofloxacina e ciprofloxacina, sono in Italia gli antibiotici di gran lunga più utilizzati. La resistenza di molti microrganismi ai fluorochinoloni, fenomeno in continuo aumento e proporzionale...