Non prescrivere di routine farmaci ipolipemizzanti nei pazienti con aspettativa di vita limitata

Tipo di pratica

Farmaci

Età

Anziani

Fino a un terzo della popolazione fra 75 e 85 anni dei paesi avanzati assume terapia ipolipemizzante (soprattutto statine) per prevenzione primaria o secondaria. Tuttavia, il concetto che anche nei soggetti anziani lipercolesterolemia LDL o i bassi valori di HDL siano importanti fattori di rischio cardiovascolare è controverso, perché per lo più basato sulla estrapolazione dei dati delle età più giovani; anzi, nei grandi anziani i bassi valori di colesterolo correlano con un’aumentata mortalità. Oltre gli 85 anni il rapporto rischio/beneficio correlato alluso di statine non è ovviamente favorevole perché, mentre, laspettativa di vita è progressivamente minore, lincidenza di effetti indesiderati (danno muscolare, neuropatia, decadimento cognitivo, cadute) è relativamente maggiore. A fronte di una aspettativa di vita limitata (i.e. <10 anni), iniziare una terapia con statine non è supportato da evidenze, mantenerla è questionabile.

Principali fonti bibliografiche

1. Dalleur O, Spinewinw A, Henrard S, Lousseau C, Speybroeck N, Boland B. Inappropriate prescribing and related hospital admission in frail older persons according to the STOPP and START criteria. Drugs Aging. 2012; 29: 829-37.
2. Schiattarella GG, Perrino C, Magliulo F, et al. Statins and the elderly: recent evidence and current indications. Aging Clin Exp Res 2012; 24(S3): 47-55.
3. Maraldi C, Lattanzio F, Onder G, et al. Variability in the prescription of cardiovascular medications in older patients: correlates and potential explanations. Drugs Aging 2009; 26(Supp l): 41-51.
4. Schatz IJ, Masaki K, Yano K, Chen R, Rodriguez BL, Curb JD. Cholesterol and all cause mortality in elderly peolple from the Honolulu Heart Program: a cohort study. Lancet 2001; 358: 351-5.
5. Petersen LK, Chistensen K, Kragstrup J. Lipid lowering to the end? A review of observational studies and RCT on choletserol and mortality in 80+ year old. Age Ageing 2010; 39: 674-80.

Scarica la scheda completa con le 5 raccomandazioni

PDF

Tutte le informazioni sopra riportate non sostituiscono la valutazione e il giudizio del professionista. Per ogni quesito relativo alle pratiche sopra individuate, con riferimento alla propria specifica situazione clinica, è necessario rivolgersi al professionista.