Slow Medicine partecipa con due eventi alla Open Night di venerdì 27 settembre al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, Cavallerizze, di Milano in collaborazione con Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS.

Ingresso libero.

Fare di più non significa fare meglio – alle 19,30
Come possiamo partecipare alle scelte che riguardano la nostra salute? Quanto è importante conoscere gli esami o le prescrizioni davvero utili? Discutiamo delle giuste informazioni da ricevere per garantirci qualità delle cure e partecipare a un modello di salute veramente condiviso.
Franca Braga, Centro Studi Salute e Alimentazione, Altroconsumo
Giulia Candiani, Zadig, Agenzia di Editoria Scientifica
Sandra Vernero, Slow Medicine, progetto “Fare di più non significa fare meglio”
Modera: Paola Mosconi, laboratorio di ricerca per il coinvolgimento dei cittadini in sanità, Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS.

Il Servizio Sanitario Nazionale è un bene? – alle 20,30
Come dice la Costituzione Italiana la salute è un diritto per tutti i cittadini, indipendentemente dalle condizioni economiche e dal ceto sociale. Quanto vale il nostro sistema sanitario? Parliamo di come renderlo ancora più adatto alle nostre necessità e difenderlo dalle dinamiche del libero mercato.
Antonio Bonaldi, presidente Slow Medicine
Giuseppe Remuzzi, direttore Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS
Walter Bergamaschi, direttore generale ATS, Città metropolitana di Milano.
Modera: Giangiacomo Schiavi, editorialista Corriere della Sera.
Organizzato con Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS.

 

Open night 2019